Pizzi e ricami delle Clarisse di San Marino. Manufatti artistici del Monastero di Santa Chiara nel suo IV centenario

Quando

Dal 22 marzo
al 4 ottobre 2009

Dove

San Marino, Museo di Stato

La mostra

Organizzata da: Repubblica di San Marino, Segreteria di Stato per la Cultura, Museo di Stato
Curatore: Anna Simoncini
Segreteria organizzativa: Anonima Talenti

Nell’ambito delle celebrazioni del quattrocentesimo anniversario dell’insediamento delle Clarisse nella Repubblica di San Marino, l’Eccellentissima Reggenza ha offerto il suo Alto Patrocinio alla realizzazione di una mostra dedicata ai corredi e agli arredi liturgici patrimonio del Monastero di Santa Chiara.

Nella mostra, organizzata a cura del Museo di Stato, è esposta una significativa campionatura del prezioso corredo di arredi liturgici di proprietà del Monastero di Santa Chiara, come documento della straordinaria maestria delle monache e del loro ottimo gusto, frutto di una lunga tradizione, di un assiduo esercizio e di un grande amore per l’arte del ricamo. Si tratta principalmente di vesti, arredi e strumenti liturgici realizzati in tessuti operati e decorati con pizzi, merletti e ricami eseguiti dalle suore negli ultimi due secoli fino ad oggi: piviali, casule, pianete, stole, cotte, camici di raffinata fattura; tovaglie d’altare superbamente ricamate; pannelli e tende in pizzo; piccoli oggetti di devozione realizzati con minuziosa cura artigianale.

Obiettivo della mostra testimoniare, attraverso l’evoluzione degli stili e delle tecniche del ricamo, la spiritualità, la quotidianità operosa del convento e i suoi rapporti con il contesto sociale e istituzionale di riferimento, ed insieme l’arte, la cultura fino al talento esecutivo di alcune suore che, con umiltà e dedizione, hanno saputo dare vita ad autentiche opere d’arte.

La visita alla mostra può essere utilmente integrata con la visita delle sale V e VII del Museo di Stato, in cui sono esposte stabilmente, insieme ad arredi e suppellettili, diverse opere d’arte provenienti dall’antico monastero: dalla pala dell’altar maggiore già nella chiesa di Santa Chiara ai quadretti e alle statuette devozionali che si trovavano nelle celle monastiche. Tutti materiali facenti parte della collezione Santa Chiara proveniente dal Monastero e acquisita dallo Stato negli anni ’70.

Fotogallery